Italian English Portuguese Spanish

Opportunità nordest

predio_fiec
Si é svolto nella mattinata di giovedì 31 marzo, presso la sede della FIEC (Federazione delle Industrie dello Stato del Ceará), organizzazione che raggruppa le oltre 13000 industrie del Ceará divise in sindacati settoriali, un interessante incontro durante il quale si é parlato di prospettive future riguardanti lo sviluppo delle iniziative imprenditoriali italiane in Brasile.
La delegazione italiana era guidata dal direttore operativo della Camera di Commercio Italo-brasiliana del Nordest Mariano Musto e dal segretario Alessandro Colombara che hanno accompagnato imprenditori ed operatori italiani fra i quali l'Arch. Enrico Buffa del Comitato Tecnico Affari Internazionali di Confindustria. Il gruppo è stata ricevuto dal sempre gentilissimo e competente sovrintendente della Fiec, Dott. Eduardo Bezerra e dalla responsabile per la Cooperazione Internazionale, Dott.ssa Ana Karina Frota.
Durante la riunione sono stati toccati numerosi punti interessanti, tra i quali è stata evidenziata la speciale congiuntura economica che il Brasile sta attraversando ed in special modo la grande possibilità offerta dal nordest all'insediamento di industrie italiane ed è apparsa chiara la necessità di sfruttare il momento senza concedersi ritardi, anche considerando l'interesse da parte di imprenditori di altri paesi (è di questi giorni la visita effettuata presso il Governo di Stato di una grande impresa danese attiva nel ramo delle energie rinnovabili e di missioni imprenditoriali coreane e cinesi programmate per i prossimi mesi) nello sfruttare le grandi possibilità offerte dall'insediamento imprenditoriale in loco.
Tutti i presenti hanno ribadito la certezza che l' Italia dispone di un forte potenziale, fornito dalla sua piccola e media industria, e di una grande esperienza per sviluppare progetti creativi che mancano al momento nel Nordest.
Il Dott. Bezerra ha sottolineato come l'ingegnosità italiana ha fatto in modo che il Ceará si trasformasse nel secondo esportatore di cuoio fra gli Stati della Federazione brasiliana grazie ad una impresa creata anni fa con capitale italiano ed ha citato una seconda impresa, esempio di creatività nella produzione di preformati di cemento in sostituzione dei tradizionali mattoni per costruzione civile. Altro settore che risulta particolarmente promettente e che è stato abbordato durante il colloquio é quello delle pietre per costruzione, marmi e graniti, di cui il Ceará ha vari giacimenti che hanno già attratto l'attenzione dei commercianti cinesi, interessati nella rivendita all'estero. Proprio a rispetto dell'esportazione, è stata citata la ZPE (zona de processamento para exportação), Zona Franca de Pecem, la quale permetterà alle imprese che si insedieranno nei suoi perimetri, di esportare con enormi benefici fiscali e cambiali. Per concludere, l'acciaieria permetterà la costituzione di tutta la filiera dell'acciaio e di innumerevoli tipi di industria legati alla meccanica ed alle costruzioni.
Sia a breve termine con iniziative del tipo citato che nel medio periodo, aspettando la conclusione dei lavori delle grandi opere di sviluppo dell'economia locale precedentemente citate, ossia, la zona franca di Pecem, l'acciaieria e la raffineria di petrolio sempre nella zona portuale di Pecem, è possibile pensare positivamente a rispetto di nuove industrie italiane nel Ceará.
L'architetto Buffa ha rilevato come siano già in previsione alcune missioni operative di Confindustria in Brasile nelle città di São Paulo e Rio de Janeiro e come stranamente sia sconosciuto il Nordest come potenziale industriale, come mercato e bacino di utenza in grande sviluppo. Per ovviare a questa lacuna ed in possesso delle interessanti informazioni ricevute dalla Fiec, tutti hanno convenuto sull'importanza di stabilire una agenda di incontri per sviluppare nuove partnership e soprattutto per far conoscere agli industriali italiani, il Nordest come nuovo e promettente mercato.
Nei prossimi mesi, la Camera di Commercio Italo-brasiliana del Nordest, come interlocutore competente per le due organizzazioni imprenditoriali, seguirà con attenzione la possibilità di organizzare una agenda di lavori che porti gli imprenditori italiani a contatto con la nuova realtà nordestina e che soprattutto generi progetti ed idee con finalità chiare e modalità esecutive delineate.

Alessandro Colombara

Direzione Esecutiva
Camera di Commercio Italo-brasiliana del Nordest

share